ALZATE LATERALI CON MANUBRI

Le “alzate laterali con manubri” sono tra gli esercizi più conosciuti in palestra per l’allenamento delle spalle.

muscoli coinvolti: deltoide

posizione di partenza: l’esercizio può essere eseguito da in piedi o da seduti con le braccia lungo i fianchi e i gomiti leggermente flessi.

Movimento: Consiste nel sollevare le braccia in abduzione fino a 90 gradi allineando mani, gomiti e spalle per poi tornare alla posizione di partenza.

 

Nello stesso esercizio esistono diversi sottogruppi volti a porre il focus di allenamento su un determinato distretto del muscolo stesso.

 

LE ALZATE LATERALI “SUPINATE” (POLLICI IN ALTO)

 

Consistono nell’extraruotare l’omero nella fase finale dell’abduzione. Questo movimento porrà il focus sulla parte anteriore del deltoide con interessamento del bicipite brachiale. Il rischio articolare è minimo

 

LE ALZATE LATERALI “NEUTRE”

 

Le più comuni e conosciute in cui si vede una normale abduzione dell’omero senza alcuna rotazione. Focus alla parte mediana del deltoide. Rischio articolare intermedio

 

ALZATE LATERALI “PRONATE” (POLLICI VERSO IL BASSO)

 

Consistono nell’intraruotare l’omero durante l’abduzione dello stesso. Focus rivolto maggiormente alla porzione posteriore del deltoide. Rischio articolare molto alto dovuto alla netta riduzione dello spazio sub-acromiale derivante dall’intrarotazione dell’omero. Una tipologia di aperture laterali che in molti sconsigliano.